Stampa

Intitolare al Sindaco Mimmo Creaco il nuovo Parco Verde.

on . Posted in Prima Pagina

PROF CREACOQuattro anni fa, proprio in questi giorni, concludeva la sua lunga esistenza terrena il  professore Domenico Creaco . Fra i fondatori della Democrazia Cristiana a Campo Calabro, per quattro volte  indimenticato sindaco del paese, ha perfettamente incarnato la figura di amministratore pubblico così come si immagina debba essere: capace,onesto, modesto, disinteressato, generoso, privo di ogni ambizione personale, parsimonioso fino all’esasperazione nell’uso del danaro pubblico.  Fu nel corso del suo  primo mandato di sindaco, dal 1964 al 1970,  grazie alla legge n. 167 del 18 aprile 1962, "Disposizioni per favorire l'acquisizione di aree fabbricabili per l'edilizia economica e popolare" che venne individuata e vincolata ad uso pubblico  quell’area al centro del paese fra la via Mazzini e la Via Campo Piale -  Delcroix all’interno della quale sorgono oggi le case di edilizia popolare, il Centro polifunzionale, il Parco verde . Tutte le amministrazioni che si sono succedute hanno poi avuto parte nel dipanare tutti i problemi legati ai contenziosi amministrativi sollevati dai proprietari, che hanno portato alla riacquisizione onerosa dell’intera area da parte del comune, e nella progettazione e realizzazione del Centro Polifunzionale. Sono passati  più di cinquant’anni, ed oggi quell’area è interamente destinata a servizi: attraverso ben quindici amministrazioni comunali, nonostante le varie vicissitudini amministrative, non si è comunque perso il filo dell’intuizione degli anni ‘60, ed è quasi un miracolo.  Intitolare il nuovo Parco Verde al Sindaco Mimmo Creaco sarebbe quindi non solo  un doveroso  gesto di riconoscenza nei confronti di un uomo che ha dedicato l’intera  vita al servizio della sua comunità, ma anche una maniera per ricordare a tutti noi, che ne beviamo oggi l’acqua, chi ha  scavato i pozzi .

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo