Stampa

Comunicato stampa 30 giugno 2014

on . Posted in Prima Pagina

Leggi tutto...

Abbiamo appreso dalla stampa del decreto del Ministro dell’Interno con il quale si da atto che presso il Comune gli elementi emersi dall’accesso prefettizio non presentano la rilevanza, univocità e concretezza che sono il presupposto per lo scioglimento del Comune di Campo Calabro per infiltrazione mafiosa.
Come avevamo osservato all’atto dell’insediamento della Commissione d’accesso , il lavoro dei funzionari prefettizi , le sue risultanze e le successive decisioni degli organismi di governo non si commentano in senso positivo o negativo.

Stampa

«Il bitumificio va demolito» Il Tar a Caponago.

on . Posted in Prima Pagina

di Marco Dozio da il Giorno

FUMI E RUMORI quotidiani. Anni di proteste e battaglie legali contro il bitumificio di Cascina Bertagna. Alla fine il Tar ha deciso pochi giorni fa, il 26 maggio. Respingendo il ricorso della società Vitali contro l’ordinanza di demolizione emessa dal Comune. «Per noi è una splendida notizia. Si tratta di una sentenza esecutiva, l’impianto di betonaggio va abbattuto entro 90 giorni», spiega raggiante Gianluca Rapicano, portavoce del Comitato «Salute e Territorio», sulle barricate dal 2009, da quando l’azienda che gestisce la cava realizzò una struttura per la produzione di asfalto e calcestruzzo. Ecco un passaggio del documento firmato dai magistrati del Tribunale amministrativo regionale: «Appare pacifico il fatto che al momento della realizzazione dell’impianto non sussistesse una formale autorizzazione».

Stampa

22/01/2014 Riceviamo e pubblichiamo...

on . Posted in Prima Pagina

banner scrvi peopleDi seguito pubblichiamo una lettera inviata tramite il nostro sito alla nostra redazione.

Caro gruppo di Passione Civile, ed in particolare al D.r Repaci, ho saputo che il SS.SS.NN. e quello della Regione Calabria, ha avviato il progetto H24 sul territorio, Si dice che presto questo Comune rischia di essere privo dei medici di base in quanto, secondo il suddetto progetto, essi si dovrebbero associare per creare ambulatori polispecialistici, in quanto il progetto prevede un servizio di questo genere. Qualche medico ha avanzato proposta all'Amm/ne Comunale per avere la sede per un fattibile componimento di associazione medica nell'edificio in cui è fallito prima di cominciare "l'Asilo-Nido comunale", ed in esso hanno trovato collocazione attività tutte che non c'entrano nulla con la struttura, perché caso mai dovevano trovare collocazione nell'altro edificio comunale, per destinazione di costruzione (centro sociale e teatro).

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo