Articoli

Stampa

Il Consiglio Comunale di Campo Calabro sull’impianto di produzione di conglomerato bituminoso

municipio campo calabroIl Consiglio Comunale del 30 ottobre ha approvato, all’unanimità, un ordine del giorno relativo all’impianto di produzione del bitume. Già preannunciato da maggioranza e minoranza nel corso del Consiglio del 10 ottobre scorso, convocato sull’argomento su richiesta del gruppo consiliare di Passione Civile, il documento è scaturito da una riunione fra i due gruppi consiliari tenutasi il 20 ottobre scorso della quale ha dato conto in apertura di discussione il Presidente del Consiglio Comunale.

Dopo una premessa che prende in considerazione lo stato dei fatti, le attività soggette ad interventi delle autorità competenti e sottoposte ad ordinanze sindacali, il documento sottolinea come “la natura dell’insediamento ha suscitato preoccupazioni fra la popolazione in  relazione a possibili ed eventuali danni di natura ambientale e alla salute dei cittadini residenti stante, tra l’altro, il fatto che lo stesso impianto risulta ubicato a ridosso del centro abitato e di impianti sportivi”, e che in relazione alla sua costruzione è stata promossa dalla Consulta Giovanile una petizione popolare. L’ordine del giorno continua esprimendo il sostegno e l’apprezzamento del Consiglio nei confronti  del Comitato Popolare costituitosi proprio per opporsi alla realizzazione dell’impianto. Individuando “il Consiglio Comunale quale luogo naturale di espressione della volontà popolare e di formazione del consenso attorno a tematiche di simile rilevanza” l’ordine del giorno  esprime  la  preoccupazione del Consiglio “ per le possibili eventuali ricadute in termini igienico-ambientali e socio-economiche conseguenti l’attivazione del ciclo produttivo della attività di che trattasi “. Il documento continua considerando “ fondamentale, per il futuro ed armonico sviluppo di Campo Calabro, salvaguardare la sua preminente vocazione turistico-residenziale e le sue caratteristiche ambientali.” ed impegna il Sindaco e la Giunta Comunale a “ dotare il Comune di una consulenza tecnico scientifica resa da una commissione di tecnici autorevoli circa una valutazione globale sull’impatto ambientale dell’attività di che trattasi, di un tavolo permanente di consultazione ed informazione fra il Consiglio Comunale in ogni sua espressione politica e di rappresentanza, le associazioni  e la popolazione in generale, capace di coinvolgere tutti Enti coinvolti nella vicenda,  che segua gli sviluppi della stessa,  fermi restando i procedimenti tecnico-autorizzativi previsti dalla legge “. Successivamente alla votazione unanime, Sandro Repaci ha dichiarato “ in occasione dell’insediamento di questa amministrazione, ho dichiarato che nei momenti gravi e cruciali per la vita del paese mai sarebbe venuto meno il contributo ed il sostegno della minoranza. Questo è uno di quei momenti, ed è per questo che Passione Civile si mette a disposizione di questa battaglia. Noi faremo la nostra parte, e ci auguriamo che gli altri facciano altrettanto “.

 

Umberto Sinicropi

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo