Stampa

Comunicato stampa - Passione Civile - 25 agosto 2014

on . Posted in Rassegna Stampa

logopassionecivileI recenti avvenimenti verificatisi in questi giorni ai cancelli del campo comunale da tennis ,che certo non sono utili all’immagine del paese e compromettono il decoro dell’istituzione comunale , sono lo specchio di una modalità di gestione ed utilizzo del patrimonio pubblico che lascia davvero perplessi .

A Campo Calabro sono stati realizzate , dal 1970 ad oggi , solamente tre aree sportive : il campo di calcio , la tensostruttura polisportiva di via Campanile , ed il campo da tennis . E' sotto gli occhi di tutti e non ha bisogno di alcun commento il degrado assoluto nel quale versano questi impianti , nonostante le cifre impegnate negli anni sopratutto nel campo di calcio e nella struttura coperta, già degradata ancor prima di essere collaudata . La manutenzione ordinaria di queste strutture , e gli interventi dell’ASD Tennis sull’impianto di via Geraci ne sono prova, è a quasi totale carico delle società dilettantistiche ed amatoriali che, fra tante difficoltà , a rischio ed a carico economico dei loro dirigenti ,con generosità offrono ai giovani del paese la possibilità di una pratica sportiva, talora con eccellenti risultati agonistici. Ci chiediamo come sia possibile che nel 2014 un comune come il nostro gestisca queste povere strutture , obsolete e pericolose per chi le frequenta , come si faceva negli anni '60 . Un avviso pubblico del giugno 2013 emesso per ricevere manifestazioni di interesse per la gestione del campo da tennis si è perso nei meandri degli uffici comunali e di esso non si hanno più notizie . Alle condizioni date, chiunque veramente interessato al sostegno dello sport come occasione per tutti e non come bacino di voti, promuoverebbe la approvazione di un regolamento di uso e gestione degli impianti e si attrezzerebbe le per più immediate emergenze strutturali . Si è preferita piuttosto la solita modalità dell’impegno “verbale” del quale non rimane ovviamente traccia : un metodo che, già inopportuno in accordi fra privati che riguardano beni materiali, è addirittura imbarazzante per una amministrazione pubblica degna di questo nome. A partire da queste esigenze coinvolgeremo, come Amministrazione Ombra di Passione Civile, le associazioni sportive nella elaborazione di una proposta di “ piano straordinario per lo sport” , atteso che nei piani dell’amministrazione comunale non esiste neppure l’ “ordinario”. Il fatto poi che protagonisti della vicenda , come abbiamo appreso dalla stampa, siano stati soggetti presentatisi come "componenti dello staff del Sindaco " suscita una serie di interrogativi , crediamo assolutamente legittimi sulle dinamiche che muovono i processi decisionali e la loro gestione all'interno dell'amministrazione comunale . Il Sindaco si avvale di uno staff a supporto della sua attività ? . Se la risposta e' no, rispetto per i cittadini vuole che il Sindaco smentisca immediatamente coloro che si presentano come componenti del suo staff. Se invece il Sindaco ha effettivamente nominato uno “staff” (struttura peraltro spropositata rispetto alle dimensioni di un Comune che fatica già di suo a gestire il personale “di linea”) , dica quando ha provveduto alle nomine, con quale atto ed in base a quali norme di legge , informi circa il nome la qualifica, il curriculum dei componenti lo staff , le loro funzioni e le loro competenze. Tutto ciò al fine di tutelare il buon nome del paese ed il decoro del Comune e rassicurare la popolazione circa il fatto che l'amministrazione per fare rispettare le ordinanze e le proprietà del Comune si avvale del Corpo di Polizia Municipale e che le funzioni di sceriffo o buttafuori non sono ancora previste nello statuto comunale.

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo