Stampa

Parrocchia S. Maria Maddalena

on . Posted in Statici

La Parrocchia
Si hanno notizie storiche sulla Parrocchia e sulla chiesa di Santa Maria Maddalena di Campo sin dal 1630. All’epoca il paese si chiamava “Campo della Maddalena”. Nell’anno 1701 fu eretta la Parrocchia di Campo che fu distaccata da Fiumara sotto il titolo di Santa Maria Maddalena.Sotto la giurisdizione della nuova Parrocchia cadevano quelle di Piale, Cannitello, Pezzo, Fossa San Giovanni (Villa), Acciarello.

La prima chiesa parrocchiale
Il sito della chiesa era l’attuale Piazza Vittorio Emanuele III,(o Piazza Crea) con la porta d’ingresso non rivolta verso Gerusalemme (secondo un’antica consuetudine), ma dalla parte opposta, in direzione di Via Calvario. Non si è certi se essa risalisse al 1701 o sia stata costruita, sempre sullo stesso sito, in epoca successiva, probabilmente dopo il sisma del 1783, ma sicuramente risale almeno al 1818, come risulta dalla campana che si trova nell’attuale chiesa e che rappresenta un’importante testimonianza di “reperto”, rimastoci dell’antica chiesa. L’antica statua lignea di Sant’Antonio di Padova è un altro reperto sopravvissuto al vero e proprio saccheggio che si scatenò dopo il sisma. Oggi anche questa scultura, d’artista ignoto, è esposta al culto dei fedeli nell’attuale chiesa di Santa Maria Maddalena; in realtà studi fatti attribuiscono l’opera addirittura al ‘600. Dopo il sisma del 1908 fu costruita, in via provvisoria, una chiesa; era una delle tante chiese sorte nel versante calabrese dell’area dello Stretto di Messina per opera della Commissione Pontificia e affidate per la costruzione alla ditta inglese Mac Mhamus, sotto la direzione di Mons. Cottafavi, del Conte Zilieri e di Don Giuseppe Zumbo, rappresentante dell’Arcidiocesi e segretario del Delegato Apostolico.

La nuova chiesa parrocchiale
Nel periodo storico della ricostruzione del terremoto del 1908, nel 1922 fu avviata la costruzione dell’attuale chiesa, nella quale prestarono una valida opera:
- l’ artista Domenico Mazzullo, pittore che in quel periodo si trovava a Campo ospite presso parenti, il quale dipinse nel 1935 un’immagine ad olio su tela di Santa Maria Maddalena penitente, collocata sopra l’altare maggiore (abbattuto nel restauro della chiesa avvenuto nei primi anni ottanta); Il dipinto oggi restaurato dalla figlia dello stesso autore, a completamento dell’intervento edilizio degli anni 2006 - 2010, l’interno della chiesa, che richiama lo stile neoclassico dell’esterno, è caratterizzato da lesene monumentali che, rimarcano la scansione della struttura portante in cemento armato, creando così un’alternanza tra archi a tutto sesto che percorrono l’intera altezza e lesene coronate da capitelli compositi; il tetto della navata caratterizzato da finti cassettoni di legno, i quali nascondevano la reale copertura a due falde, configurata strutturalmente da capriate in cemento armato;

 

Successivo al vecchio altare, quello post-conciliare, era realizzato a lastra unica di marmo di Carrara, sorretta da colonnine in stile dorico realizzate in “rosso di francia”;

“SIGNOR D. VINCENZO RANIERI SINDACO
SIGNOR D. GIUSEPPE M. ARENA DEPUTATO
SIGNOR D. CUSMANO CARNEVALE DEPUTATO
AD FUTURAM REI MEMORIAM
OPUS SEBASTIANI COSTANTINO
ANNO DOMINI 1818”

Nella seconda campana si legge:

“ABLATUM TEMPORE BELLI A.D. MCMXL
RESTITUTUM PUBLICO SUMPTU A.D. MCMLII”

“PESTEM FUGO FESTA DECORO”
HONOREM DEO ET PATRIA LIBERATIONEM”

“STROZI TRANIUM” 638

Che sarebbe: “Portata via in tempo di guerra nell’anno del Signore 1940. Restituita al pubblico possesso nell’anno del Signore 1952”; “Evito la peste abbellisco la festa”; “Onore a Dio e liberazione alla Patria”; infine il nome della fabbrica di Trani ed il numero progressivo di fusione.
L’inizio della costruzione della nuova chiesa che sorge su un lotto ad angolo fra la via Umberto e la Via Tenente Galimi, si avviò negli anni venti e l’impianto costruttivo aveva le seguenti caratteristiche conservate fino al completamento edilizio degli anni 2006-2010 :
- una struttura a navata unica con chiari linguaggi neoclassici;
- pianta a forma rettangolare, con chiusura absidale a pianta quadra, separata dalla sala liturgica da un arco a tutto sesto realizzato con pennellature di gesso ancorate alla struttura portante dell’edificio;
- in alzato, ad ogni campata strutturale, delle finestre circolari risolvevano l’illuminazione interna della chiesa stessa;
- il prospetto principale coronato da un timpano sorretto da due monumentali lesene laterali, simmetriche allo stesso timpano;
- sopra il portone d’ingresso, un bassorilievo raffigurante Santa Maria Maddalena in atto penitente;
- l’interno della chiesa, che richiama lo stile neoclassico dell’esterno, è caratterizzato da lesene monumentali che rimarcano la scansione della struttura portante in cemento armato, creando così un’alternanza tra archi a tutto sesto che percorrono l’intera altezza e lesene coronate da capitelli compositi;
- il tetto della navata caratterizzato da finti cassettoni di legno i quali nascondevano la reale copertura a due falde, configurata strutturalmente da capriate in cemento armato;

Successivo al vecchio altare, quello post-conciliare era realizzato a lastra unica di marmo di Carrara, sorretta da colonnine in stile dorico realizzate in “rosso di francia”; nella parete di fondo e retrostante all’altare, un mosaico di fattezza contemporanea, rappresenta la scena dell’incontro tra Santa Maria Maddalena e Cristo risorto . L’importante intervento di ampliamento degli anni 2006-2010 ha dato alla chiesa l’aspetto attuale, vi è stata l’aggiunta di due navate laterali all’originaria unica navata centrale, la nuova Cappella del “Santissimo”,la loggia sull’ingresso principale aggettante rispetto allo stesso piano verticale della facciata, con un disegno architettonico che ripropone la geometria già esistente sul prospetto principale ,la nuova “cantoria”,posta all’interno della navata centrale, nella prima maglia strutturale e asservita da una scala elicoidale in ferro battuto. Nella chiesa sono conservati elementi appartenenti agli arredi sacri della vecchia chiesa distrutta dal terremoto, candelabri in ottone ed altra oggettistica appartenente all’antica “Congrega di Sant’Antonio”,oltre alle statue di S. Antonio risalente al 600 e già presenti nella vecchia chiesa, di S. Maria Maddalena di datazione incerta ma anteriore a quelle del Sacro Cuore di Gesù, di San Francesco, del trittico della Madonna del Rosario, del Sacro Cuore di Maria , tutte risalenti agli anni 40 assieme alle 14 stazioni della via Crucis in gesso decorate a mano e dipinte ad olio ed una iconografia lignea della Santa Croce risalente agli anni 70.

I PARROCI
Dal 1702 sono stati diciotto i parroci titolari della parrocchia, che è stata retta per due volte, per brevi periodi, da Economi parrocchiali.
Rev. Sac. Don Gregorio Caracciolo (dal 1702 al 1720)
Rev. Sac. Don Germaino Carnevale (dal 1720 al 1757)
Rev. Sac. Don Domenico Musco (dal 1758 al 1762)
Rev. Sac. Don Pasquale Barillà (dal 1762 al 1783)
Rev. Sac. Don Placido Geraci (Economo parrocchiale nel 1783)
Rev. Sac. Don Francesco Capri (dal 1783 al 1806)
Rev. Sac. Don Giannantonio Galimi ( dal 1810 al 1815)
Rev. Sac. Don Vincenzo Peraci ( dal 1815 al 1824)
Rev. Sac. Don Antonio Pellicanò (dal 1824 al 1831)
Rev. Sac. Don Fortunato Creaco (dal 1831 al 1834)
Rev. Sac. Don Rocco Bambara (dal 1834 al 1870)
Rev. Sac. Don Rocco Postorino (dal 1870 al 1873)
Rev. Sac. Don Giuseppe Delfino (Economo parrocchiale dal 1873 al 1874)
Rev. Sac. Don Rocco Marra (dal 1874 al 1876)
Rev. Sac. Don Luigi Panuccio (dal 1876 al 1884)
Rev. Sac. Don Giuseppe Santagati (dal 1884 al 1915)
Rev. Sac. Don Salvatore Gioffrè (dal 1915 al 1926)
Rev. Sac. Don Rocco Barbera (dal 1926 al 1934)
Rev. Sac. Don Gaetano Cotroneo (dal 1934 al 1976)
Rev. Sac. Don Antonino Palmenta (dal 1976)

Si ringraziano : l’Arch. Cosimo Bevacqua dai cui lavori sono stati tratti i testi descrittivi della chiesa e le notizie storiche, e il Rev. Sac. Don Giuseppe Repaci per le notizie sulla cronologia dei titolari della parrocchia .

 

 

 

Stampa

Associazioni Campo Calabro

on . Posted in Statici

I dati riportati sono stati forniti dalle singole associazioni e possono subire variazioni senza che ne sia stata data comunicazione all’amministratore di questo sito . Per modifiche ai dati di ciascuna associazione è possibile rivolgersi a Giuseppe Barresi .

NOME ASSOCIAZIONE FINALITA' ANNO
COST.
INDIRIZZO SEDE
PRINCIPALE
RESPONSABILE FINO AL NUMERO
TELEFONO
INDIRIZZO E-MAIL SITO INTERNET FACEBOOK
A.C.R.
Azione Cattolica Ragazzi
Educative, volontariato 2000 Via Ten. Galimi, 1
c/o Canonica
Anna Crea dic-13 368/7511681 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
AGESCI Campo Calabro 1
"Marcello Giorlo"
Educative, volontariato 1967 Via Sant'Angelo
c/o Polifunzionale
Tita Bevacqua/Santo Creaco
(capi-gruppo)
dic-12 333/6764312
349/8454580
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
A.N.C.
Assoc. Nazionale Carabinieri
Volontariato 1989 Via Sant'Angelo
c/o Polifunzionale
Antonino Sgrò dic-16 333/8377064 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
A.N.S.P.I. Campo Calabro
"Sarina Sciarrone"
Educative, sportive 1987 Via Ten. Galimi, 1
c/o Canonica
Nino Crea
(presidente)
dic-13 0965/757401 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
A.S.D. Acciarelcampese Sportive 1971 Via Campanile
c/o Campo Sportivo
Domenico Gullì
(presidente)
dic-15 349/4409876
A.S.DIL. Campo Calabro
REDHAWKS
Educative, sportive 1994 Via Campanile, 2/A Cotroneo Giuseppe
(presidente)
dic-13 347/3680769
(Maurizio Idone)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.    
Associazione
"PASSIONE CIVILE"
Politiche, sociali, culturali 2012 Piazza Chiesa Alberto Idone
(presidente)
giu-13 349/1325756 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
AVIS/AIDO Volontariato 1992 Via Sant'Angelo
c/o Polifunzionale
Giovanni Delfino
(presidente)
feb-13 338/9029581 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. web.tiscali.it/Poeta_improvvisatore
AZIONE CATTOLICA Educative, volontariato Via Ten. Galimi, 1
c/o Canonica
Mariuccia Calabrese
(presidente)
 
CARITAS Volontariato 1989 Via Ten. Galimi, 1
c/o Canonica
Don Nino Palmenta
dic-20 0965/757100
(dott.ssa Anna Borgia)
Centro Socio-Culturale
"RIAN"
Socio-culturali 2012 Via Risorgimento, 132 Pino Vermiglio dic-12 347/7879149 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
C.I.F. Centro Italiano Femminile
Campo Calabro
Socio-culturali, volontariato 1950 Via Ten. Galimi, 1
c/o Canonica
Franca Arecchi
(presidente)
dic-13 0965/752259 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Circolo Libertas
"RITROVO AL 238"
Culturali, sportive, ricreative 2011 Via Risorgimento, 238 Riccardo Marino
(presidente)
dic-14 347/6291730
Circolo Ricreativo Campese
A.I.C.S.
Culturali, sportive, ricreative 1997 Via Risorgimento, 222 Santo Verduci
(presidente)
gen-16 347/7032155 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Circolo Socio Culturale Culinario
"LE SAGRE
Culturali, tradiz. gastr. e  popol.,   
Complesso Bandistico Campo Calabro
"Prof. Giuseppe Verduci"
Culturali, musicali 1978 Via Sant'Angelo
c/o Polifunzionale
Antonello Verduci
(presidente)
dic-16 347/7032155 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Complesso Bandistico
città di Campo Calabro
Culturali, musicali 1995 Via Sant'Angelo
c/o Polifunzionale
Filippo Viglianisi
(presidente)
dic-13 347/6403964 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Confraternita Devoti della
Madonna di Polsi
Promoz. culto della Madonna 2007 Via Ten. Galimi, 1
c/o Canonica
Francesco Mandica
(priore)
giu-15 334/6799225 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. In lavorazione
Congrega
S. ANTONIO DA PADOVA
Promoz. culto del Santo 1767 Via Ten. Galimi, 1
c/o Canonica
Franco Martorano
(priore)
dic-15 347/8147303 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Congrega
Madonna SS. del Monte Carmelo
Promoz. culto della Madonna 1777 Piazza Chiesa,
Musalà
Antonio Todaro
(priore)
dic-15 0965/757262 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Consulta Comunale
Politiche Giovanili
Sociali, culturali 2011 Via Ten. Galimi
c/o Palazzo Municipale
Giuseppe Idone
(presidente)
giu-13 349/3546135 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Consulta Comunale
FIDES VOLLEY
CAMPO CALABRO
Sportive 2009 Enrico Idone dic-15 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.fidesvolley.it
Gruppo Folkloristico
"A FUNTANEDDA"
Culturali, flolklore e trad. popolari 2004 Via Campo Piale, 37 Melissa Romano
(presidente)
dic-16 340/7938941 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. A Funtanedda Gruppo Folk
Gruppo Folkloristico
"I CAMPOTI"
Culturali, flolklore e trad. popolari 2009 Via Garibaldi, 16 Totò Idotta
(presidente)
dic-12 0965/757107 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gruppo Teatrale
"IL CAMPO"
Culturali
(teatro, cinema, improvvis. e cult. popol.)
1971 Via Sac. Scopelliti, 41 Giuseppe Mandica
(direttore artistico)
dic-22 340/9252791 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.    
MINIHAWKS BK
Campo Calabro
Educative, sportive 1998 Via Spontone, 4
Piale
Natale Bevacqua
(presidente)
dic-13 347/3680769
(Maurizio Idone)
     
Sez. A.N.P.I. Campo Calabro
"Partigiani Campesi"
Storico-Culturali 2008 Via Sant'Angelo
c/o Polifunzionale
Giuseppe Repaci
(presidente)
giu-12 333/8046905 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le ricerche ed i contatti con le singole associazioni sono stati curati da Giuseppe Barresi

Stampa

Notizie storico - amministrative

on . Posted in Statici

LA STORIA DEL COMUNE

Campo Calabro viene eretto Comune autonomo nel 1807 . Dopo 120 anni di vista amministrativa, con Regio Decreto del 7 luglio 1927 n. 1195 viene retrocesso a semplice “rione” della cosidetta “Grande Reggio” voluta dal fascismo. A seguito della legge 29 dicembre 1931 con la quale Villa San Giovanni riacquistò la propria autonomia (era stata infatti anche essa aggregata a Reggio con il decreto del 1927), Campo Calabro, assieme a Cannitello e Fiumara divenne frazione del Comune di Villa fino al 1947 . Finita la guerra, a seguito di una petizione presentata al Ministero degli Interni da 970 cittadini campesi, ebbe inizio la procedura amministrativa per l’erezione di Campo in Comune autonomo. Il Consiglio Comunale di Villa San Giovanni, il 14 febbraio del 1947 dette parere favorevole alla ricostituzione in Comune autonomo di Campo Calabro . Sennonchè, ricevuti i pareri favorevoli dell’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria e del Ministero dell’interno, il 25 agosto 1948 il Consiglio Comunale di Villa ritornò sulla propria decisione in quanto a Cannitello si era sviluppato un movimento contrario al distacco di Campo Calabro, ritenendo giusto erigere in Comune anche Cannitello oltre Campo. A ciò si aggiunga che nel frattempo Fiumara aveva già chiesto ed ottenuto l’autonomia . Della questione si occupò l’on. Francesco Geraci, Deputato socialista nativo di Campo Calabro, già nel 1946 Commissario Prefettizio della provincia di Reggio Calabria, che in quella veste aveva già espresso un parere favorevole al ritorno di Campo Calabro all’autonomia comunale. Geraci presentò il 13 ottobre 1948 la proposta di legge n. 138 “Ricostituzione del Comune di Campo Calabro in provincia di Reggio Calabria” . La proposta di legge venne esaminata ed approvata in sede legislativa dalla I Commissione della Camera dei Deputati il 1 aprile 1949 ed approvata in sede deliberante dalla I Commissione del Senato il 15 dicembre 1949 . Il provvedimento divenne legge con il numero 15 del 5 gennaio 1950 e fu pubblicato sulla G.U. il 10 febbraio 1950 .

testi e ricerche storiche : Dott. Rocco Alessandro Repaci

fonti : archivio storico della Camera dei Deputati

si ringrazia per la collaborazione alle ricerche l'Arch. Antonio Napolitano

Stampa

Comune Campo Calabro, Storico Sindaci

on . Posted in Statici

PROF. GIUSEPPE SCOPELLITI
(1952-1956) – Lista Bandiera con elmetto

 

PROF. GIUSEPPE SCOPELLITI
(1956-1960) - Lista Bandiera con elmetto

 

PROF. GIUSEPPE SCOPELLITI
(1960-1962) - Lista Bandiera con elmetto

 

PROF.  FRANCESCO DOMENICO CREACO
(1964-1970) Lista DC-PSI

 

PROF.  FRANCESCO DOMENICO CREACO
(1970-1975) Lista DC - PSI

 

PROF. VITTORIO CALVARI
(1975-1978) Lista Concentrazione Democratica Popolare

 

PROF.  FRANCESCO DOMENICO CREACO
(1978-1983) Lista DC

 

C.L.C. ANTONINO PATAFI
(1983-1988) Lista per Campo Calabro

 

PROF.  FRANCESCO DOMENICO CREACO
(1988-1990) Lista DC-PSI

 

GEOM. ANTONIO GAETANO
(1990-1992) Lista DC-PSI

 

ANTONINO SCOPELLITI
(1992-1993) Lista DC-PSI

 

GEOM. DOMENICO IDONE
(1993)  Lista civica

 

GEOM. DOMENICO IDONE
(1994 - 1998) Lista civica

 

ANTONINO SCOPELLITI
(1998-2002) Lista Nuovo Impegno

 

ANTONINO SCOPELLITI
(2002-2007) Lista Nino Scopelliti Sindaco

 

GEOM. DOMENICO IDONE
(2007-2012) Lista Campo Calabro Unita

 

GEOM. DOMENICO IDONE
(2012 – in carica) Lista Campo Calabro Unita

 

ricerche di Francesco Agostino

Stampa

Amministrazione Ombra - Componenti

on . Posted in Statici

 

Presidente Amministrazione Ombra

Sandro REPACI

s.repaci @ passionecivile.net

1

Bilancio, finanze e risorse umane, lavoro

Francesco SANTORO
(Vice Presidente Amministrazione Ombra)

f.santoro @ passionecivile.net

2

Urbanistica, lavori pubblici ed ambiente

Alberto IDONE

a.idone @ passionecivile.net

3

Politiche sociali e welfare

Caterina RAFFA

c.raffa @ passionecivile.net

4

E-Governement ed innovazione tecnologica

Giovanni SCOPELLITI

g.scopelliti @ passionecivile.net

5

Istruzione, cultura

Genny CASSONE

g.cassone @ passionecivile.net

6

Comunicazione, cittadinanza attiva, volontariato e tradizioni popolari

Giuseppe BARRESI

g.barresi @ passionecivile.net

7

Attività sportive e politiche giovanili

Francesco AGOSTINO

f.agostino @ passionecivile.net

8

Legalità , sicurezza e trasparenza amministrativa

Giuseppe CHIRICO

g.chirico @ passionecivile.net

Stampa

Contatti

on . Posted in Statici

Indirizzo :  Piazza Giovanni Paolo II ,n.6 89052 Campo Calabro (rc)

Sito web : http://www.passionecivile.net

E-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Stampa

Uomini Illustri

on . Posted in Statici

Francesco geraci illustre campo calabroFrancesco Geraci
Nato a Campo Calabro (Reggio Calabria) l’11 giugno 1889, deceduto a Reggio Calabria il 19 dicembre 1967, insegnante e avvocato.

 

Laureato in giurisprudenza e filosofia .Negli anni della dittatura fascista per le sue idee socialiste fu allontanato dall’insegnamento. Dal 1943 al 1944 l’avvocato fu, per nomina dell’Amministrazione militare alleata, vice sindaco di Reggio Calabria e sino al 1951 presiedette l’Ordine degli avvocati della provincia. Deputato socialista nelle due prime Legislature repubblicane dal (1948 al 1953), nel 1965 Francesco Geraci lasciò il PSI e aderì al PSIUP. Durante la sua attività parlamentare presentò 35 progetti di legge e tenne 101 interventi. Fece parte della Commissione per le autorizzazioni a procedere, Lavori Pubblici, e della Commissione Parlamentare Consultiva per la valorizzazione della Sila . Il 13 ottobre 1948 depositò la proposta di legge d’iniziativa parlamentare per la ricostituzione del Comune di Campo Calabro, soppresso dal fascismo . Il provvedimento divenne legge dello stato (LEGGE 5 gennaio 1950, n. 15 - Ricostituzione del comune di Campo Calabro, in provincia di Reggio Calabria) e, fu pubblicato sulla G.U. n. 34 del 10.02.1950 ed entrò in vigore il giorno successivo. Nel territorio del comune, una strada, segnatamente quella che parte dalle “Tre Croci” di via Calvario e sbocca in Via Risorgimento , è dedicata a Geraci, attraversa un complesso di abitazioni che per analogia venne nel tempo denominato anche “Rione Geraci” . Non è chiaro se la Via sia dedicata al parlamentare scomparso o come appare probabile, a fratelli Geraci, suoi antenati campesi e protagonisti del Risorgimento nella provincia di Reggio Calabria.

Consulenza storica del Dr. Rocco Alessandro Repaci - fonti : archivio storico della Camera dei Deputati

 

___________________________________________________________________________

 

tomba Galimi Campo CalabroGiuseppe Galimi

Nato a Campo Calabro il 9 giugno 1883 e deceduto sul Carso il 23 maggio 1917.
Ufficiale del Regio Esercito.

Partecipò alla Prima Guerra Mondiale come Tenente del 7° Reggimento Bersaglieri, inquadrato nella III Armata e schierato sul Carso nella 2.a Brigata al comando del Generale Sanna ,durante l’offensiva denominata Decima Battaglia dell’Isonzo ( 12 maggio- 4 giugno 1917) . Nel corso dell’offensiva sviluppatasi principalmente sul Fiume Isonzo nel tentativo di sfondare le linee austro-ungariche ed aprire la strada verso Trieste, alla III Armata venne affidata un'azione diversiva sul Carso che ebbe inizio il 23 maggio 1917. Nel corso del primo giorno dell’offensiva sulle alture del Carso si svilupparono una serie di azioni che culminarono nella conquista dell’abitato di Jamiano. Una di queste vide impegnato il Tenente Giuseppe Galimi al comando della 746.a Compagnia Mitraglieri FIAT del 7° Reggimento Bersaglieri. Durante l’azione , condotta su un terreno violentemente battuto dal fuoco nemico, Giuseppe Galimi venne ferito a morte alla testa dei suoi soldati. Per questa azione gli venne conferita   la Medaglia di Bronzo al Valor Militare, successivamente commutata in Medaglia d’Argento con la seguente motivazione “Comandante di una sezione mitragliatrici la guidava all’attacco attraverso un terreno difficile, insidioso ed intensamente battuto, incitando con l’esempio i suoi bersaglieri che guidava con serena calma e brillante arditezza alla conquista d’una prima posizione ; cadde ferito a morte . Carso, 23 maggio 1917 “ . La motivazione indica Brescia come luogo di provenienza del Caduto in quanto ultimo luogo di residenza all’atto dell’arruolamento. E’ sepolto al Sacrario Militare di Redipuglia, che raccoglie i resti dei soldati della III Armata del Duca d’Aosta. Il Comune gli ha intitolato una delle principali vie del paese,la Via Tenente Galimi, che costeggia la Piazza Chiesa e si congiunge alla via Sacerdote Scopelliti.

Consulenza storica del Dott. Rocco Alessandro Repaci . Si ringraziano l’Istituto del Nastro Azzurro, il Tenente Colonnello Gianfranco Colosimo, il Colonnello Fabio Aversa, l’Avv. Antonino Rizzo Galimi, Antonino Sapone della Deputazione di Storia Patria della Calabria

_____________________________________________________________________________

 

magistrato Antonino Scopelliti illustre campo calabroAntonino Scopelliti

Nato a Campo Calabro il 20 gennaio1935 ed ucciso dalla mafia a Piale (Villa san Giovanni) il 9 agosto1991. Magistrato.

Figlio di una delle più antiche famiglie di Campo Calabro , Nino Scopelliti ,“Ninuzzo” come lo chiamavano gli amici ed i compagni di scuola, fu sin da adolescente animatore instancabile di attività culturali e ricreative nella Campo Calabro degli anni 50 . Dirigente del CUC (Circolo Universitario Campese ) animò il sodalizio che riuniva le giovani, migliori e più vivide intelligenze del paese e che fu il primo esempio di aggregazione sociale e culturale giovanile a Campo Calabro. Dopo un rapidissimo e folgorante cursus studiorum che lo portò alla laurea in giurisprudenza all’università di Messina , all’età di soli 24 anni entrò in magistratura. Sostituto Procuratore della Repubblica prima a Roma e poi a Milano, dove si occupò del processo alla Banda Cavallero , divenne Procuratore generale presso la Corte d'appello quindi, Sostituto Procuratore Generale presso la Suprema Corte di Cassazione. Rappresentò, la pubblica accusa nel primo Processo Moro, al sequestro dell'Achille Lauro, alla Strage di Piazza Fontana ed alla Strage del Rapido 904. Per quest'ultimo processo, che si concluse in Cassazione nel marzo del '91, il procuratore Scopelliti aveva chiesto la conferma degli ergastoli inferti al boss della mafia Pippo Calò ed a Guido Cercola, nonché l'annullamento delle assoluzioni di secondo grado per altri mafiosi. Nel 1991 gli venne affidato l’esame in sede di legittimità dei ricorsi per Cassazione avanzati dalle difese dei più pericolosi esponenti mafiosi condannati nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra. Mantenne legami profondi con il suo paese natale, con i vecchi compagni di scuola e gli amici d’infanzia ,ritornando ogni estate nella sua casa di famiglia in Via Risorgimento, nel centro del paese. Anche nella capitale, dove abitava oramai da molti anni, egli mantenne i contatti con i campesi che vivevano come lui a Roma. Durante le vacanze estive del 1991 venne intercettato da un gruppo di fuoco della mafia poco prima dell’abitato di Piale di Villa san Giovanni, mentre rientrava in paese dopo una giornata al mare ed ucciso con due colpi di fucile calibro 12 . La piccola Chiesa di Santa Maria Maddalena , a pochi passi dalla sua casa natale, accolse le sue spoglie durante i funerali di stato ai quali parteciparono il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga e fra i tanti magistrati, Giovanni Falcone. In suo ricordo il Comune di Campo Calabro ha intitolato la nuova strada che dal quadrivio di Piazza Chiesa si congiunge alla via Campanile. A nome del magistrato ucciso è anche intitolato il “Premio Scopelliti” . La figlia Rosanna ha dato vita nel 2007 alla Fondazione Antonino Scopelliti .

Testi del Dr. Rocco Alessandro Repaci

__________________________________________________________________________________

 

Gaetano-Cingari_illustre_campo_calabroGaetano Cingari

Nato a Reggio Calabria il 14 novembre 1926 e deceduto a Padova il 9 maggio 1994 . Storico Meridionalista e politico socialista.

Laureato in matematica e fisica, pedagogia e storia. Allievo degli storici Spini, Firpo e Romeo , fu professore di storia moderna all’Università di Messina dal 1963 . Copiosissimo il corpus delle sue opere (Giustino Fortunato e il Mezzogiorno, Giacobini e Sanfedisti in Calabria nel 1799, Democrazia e romanticismo nel Mezzogiorno: Domenico Mauro, Problemi del Risorgimento meridionale, Mezzogiorno e Risorgimento – La restaurazione a Napoli dal 1821 al 18. 3Bigantaggio – Proprietari e contadini nel sud (1799–1900), Nordisti, acciaio e mafia,Storia della Calabria dall'Unità a oggi, Reggio Calabria, Il Partito Socialista nel Reggino 1888-1908 ) .Iniziò il suo percorso politico come membro del Partito d’Azione nel 1943 e nel 1945 aderì al partito Socialista . Fu deputato del PSI nella V legislatura durata dal 1968 al 1972 facendo parte della Commissione Istruzione . Firmatario di numerosissime proposte di legge (32) di cui 5 divenute legge , si occupò principalmente di pubblica istruzione ed in questa veste intervenne nel dibattito sulla riforma della scuola. Dal 1975 fu vicepresidente della giunta regionale della Calabria e in seguito divenne deputato europeo nell'ottobre1983, subentrando nel corso della legislatura, fino al 1984. Nel 1989, in seguito alla degenerazione del PSI da lui apertamente denunciata lascia i socialisti venendo in seguito eletto come indipendente del Partito Democratico della Sinistra al parlamento europeo dal 1992 al 1994. Punto di riferimento della sinistra calabrese e reggina , Gaetano Cingari ebbe la capacità di raccogliere attorno a se, negli anni bui della fine della prima repubblica, quanti credevano ancora che la sinistra avesse un ruolo storico nell’affermazione delle istanze più moderne del meridionalismo . Ad esso guardarono, a prescindere dall’appartenenza ai singoli partiti , i principali esponenti della sinistra meridionale per i quali fu esempio e maestro. Campese d‘adozione, Gaetano Cingari abitò sin dagli anni 70 e fino alla sua morte nella casa di famiglia di Via S. Angelo assieme alla moglie Antonina De Lorenzo ed i figli Lucrezia e Salvatore. Il Comune di Campo Calabro ha istituito a suo nome un premio annuale , il premio Gaetano Cingari . A suo nome è anche istituito il Premio Letterario Internazionale Gaetano Cingari.

Testi del Dr. Rocco Alessandro Repaci . Si ringrazia la Sig.ra Antonina De Lorenzo

 

 

 

 

 

 

 

Stampa

Chiese e Monumenti

on . Posted in Statici

Sezione in allestimento...

Chiesa Santa Maria Maddalena - Campo Calabro+ Mappa interattiva
+ Indicazioni Stradali

Chiesa di Santa Maria Maddalena - Campo Calabro

Si hanno notizie storiche sulla Parrocchia e sulla chiesa di Santa Maria Maddalena di Campo sin dal 1630. All’epoca il paese si chiamava “Campo della Maddalena”. Nell’anno 1701 fu eretta la Parrocchia di Campo che fu distaccata da Fiumara sotto il titolo di Santa Maria Maddalena.Sotto la giurisdizione della nuova Parrocchia cadevano quelle di Piale, Cannitello, Pezzo, Fossa San Giovanni (Villa), Acciarello. Leggi tutto

 

Chiesa San Giuseppe, frazione Campo Piale - Campo Calabro
+ Mappa interattiva
+ Indicazioni Stradali

Chiesa San Giuseppe, frazione Campo Piale - Campo Calabro

La chiesa di San Giuseppe sorge nella frazione di Campo Piale . E’ una costruzione molto semplice, realizzata negli anni ’50, su un terreno di proprietà del sacerdote Don Santo Scopelliti, con il contributo degli abitanti della frazione, che donarono giornate lavorative, e di imprenditori locali, che donarono i materiali da costruzione. Negli anni ‘80 vennero effettuati lavori di restauro, in particolare del tetto. L’altare, che sostituì quello preconciliare è realizzato in marmo. All’interno sono custodite una statua della Madonna ed una statua di san Giuseppe.

Chiesa Madonna del Carmine, Frazione Musalà - Campo Calabro
+ Mappa interattiva
+ Indicazioni Stradali

Chiesa Madonna del Carmine, frazione Musalà - Campo Calabro

La Chiesa della Madonna del Carmine sorge nella frazione Musalà. Non si conosce la data precisa della sua costruzione, ma il Sindaco Ranieri ne fa menzione in una lettera datata 15 novembre 1830 inviata all’Arcivescovo di Reggio Calabria nella quale si legge che “nel villaggio di Musalà, luogo di questo comune da molto tempo è stata costruita una piccola chiesa adatta a quella poca popolazione, la quale oggi, essendo cresciuta, desidera di farla dilatare”. Distrutta dal terremoto del 1908, è stata ricostruita più in alto, con una piazzetta antistante, alla quale si accede attraverso una scalinata. All’opera di ricostruzione, avvenuta verso il 1909-1910 parteciparono tutti i fedeli del luogo. Subì un restauro nel 1979. La chiesa attuale è ad unica navata con larghezza e lunghezza interna rispettivamente di circa ml. 8.00 e ml. 16.00. L’altezza interna risulta essere di circa ml. 6.00 (fino al controsoffitto), mentre il campanile misura ml. 12.00. Lo stile a cui è intonata è abbastanza semplice e con la pilastratura interna ad intervalli di circa ml. 3.50, mentre l’interno assume un andamento più movimentato. Il tetto di copertura ha una struttura lignea con capriate regolari, mentre il soffitto è formato da doghe di legno di abete. Tutto l’interno è illuminato da finestre laterali a forma di arco a tutto sesto con vetri stile cattedrale smerigliati. La mensa dell’altare, (a seguito del restauro del 1979), è di marmo bianco ed è sostenuta da un piedistallo a forma di “M”, simbolo di Maria, di pregiato marmo rosso. Tale piedistallo poggia su una base anch’essa di marmo bianco di Carrara. All’interno della chiesa sono presenti una croce del 1856 in legno e ferro battuto di cm. 94 x cm. 193,un dipinto raffigurante il Sacro Cuore di Gesù,la pala dell’altare che rappresenta la Madonna del Carmine,una Statua della Madonna,un messale del 1860,un dipinto raffigurante la Madonna del Carmine del secolo XIX di cm. 260 x cm. 180,lo Stendardo della Congrega della Madonna del Carmine del secolo XVIII o XIX in seta oro e argento di cm. 90 x cm. 160. In tre piccole nicchie murarie sono contenute le statuette di Santa Lucia, della Madonna e di San Giuseppe.

Testi e descrizione dell’Arch. Giuseppe Patafi

 

Chiesa frazione Matiniti - Campo Calabro
+ Mappa interattiva
+Indicazioni Stradali

Chiesa di Ognissanti, frazione Matiniti - Campo Calabro

La presenza della Chiesa di Ognissanti  nella frazione di Matiniti risale alla metà del secolo scorso; essa è stata costruita su di un terreno donato dal sig. Santo Sciarrone e soggetta a piccole e progressive ristrutturazioni e rifacimenti parziali . Fino al’inizio degli anni 90, la struttura era abbastanza essenziale : l’altare consacrato era in legno e l’arredamento era semplice. Nel 1993 i lavori di ristrutturazione realizzati dagli abitanti della frazione ci consegnano la struttura per come la vediamo adesso: l’altare in pietra ha sostituito quello in legno ed il mosaico alle spalle dell’altare ha sostituito il crocifisso ligneo che si trova attualmente accanto al portone d’ingresso. La ristrutturazione ha anche dotato la chiesa di finestre, prima inesistenti, e di vetrate colorate.

 Piazza Monumento - Campo Calabro Piazza Monumento - Campo Calabro

Il Monumento ai Caduti di tutte le guerre , eretto nello spiazzo antistante l’edificio delle scuole medie, fra la via Tenente Galimi e la via Vincenzo Ranieri , è opera dello scultore reggino Giuseppe Prattico’ . Il monumento consiste in una struttura verticale composta da lastre di acciaio Corten ; lo scultore lo scelse per la peculiarità cromatica che questo speciale acciaio assume con varie sfumature autoproteggendosi dalla ruggine mediante una patina superficiale compatta. Le lastre, realizzate dalle Officine Meccaniche Buonafede di Reggio Calabria si intersecano tra di loro per il lato lungo. Ciascuno degli otto elementi metallici riportato con l’ausilio del designer stilizzato e realizzato con la tecnica del traforo a sbalzo è dedicato rispettivamente al tema dell’ Incomprensione tra gli uomini, l’Ideale, la Speranza, la Lotta, l’Armistizio, la Prigionia, la Comprensione, la Pace . La struttura risulta poggiante in maniera sfalsata rispetto alla sua base che è invece realizzata con forme cubiche di calcestruzzo a vista ed è alta complessivamente 4,3 mt. . Sul lato del cubo di destra rivolto alla via Vincenzo Ranieri è riportata la scritta in lettere metalliche “LA LORO VITA PER NOI”, Campo Calabro, 1984 . Il monumento , commissionato all’autore dall’amministrazione Creaco, venne inaugurato il 4 novembre del 1984 nel corso del mandato dell’amministrazione Patafi.

Descrizione a cura della Prof.ssa Santina Bevacqua

 

Foto di Lietta Repaci
Stampa

Campo Calabro - Bere, Mangiare, Dormire

on . Posted in Statici

Nome struttura : Il Melograno

Tipologia : Bed and Breakfast

Indirizzo : Via Campo - Melia 3 Campo Calabro

Telefono : +390965757539

sito web : www.ilmelograno-costaviola.com

mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

________________________________

 

Nome struttura: Bed and Breakfast Villa Ada

Tipologia: Bed and Breakfast

Indirizzo: Via Sant'Angelo 1 - Campo Calabro  (Calabria - Italia)

Sito web: www.villaadacalabria.it

________________________________________________________________

Nome struttura : Il Giardino degli allori

Tipologia struttura : Ristorante

Indirizzo : Via Sant'Angelo 1

Telefono : +390965757548 

 ________________________________________________________________

Nome struttura : Pizzeria da Gennaro

Tipologia struttura : Pizzeria

Indirizzo: Via Calvario n.5

Telefono : 3470428105

________________________________________________________________

Nome struttura : Ghiò8

Tipologia struttura : Rosticceria-Kebab-Pizzeria-Trattoria

Indirizzo : Via Antonino Scopelliti,6

Telefono : 0965757468 - 3293838016 - 3335912490

mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Stampa

Il Direttivo

on . Posted in Statici

DIRETTIVO DAL 2017 ad oggi

20171205 ndirettivopc

PRESIDENTE
Mauro Batistini

CONSIGLIO DIRETTIVO
Giuseppe Giorlo
Felice Mangone
Paolo Mazzú
Paolo Cotroneo
Giovanni Scopelliti
Marco Cassone
Giuseppe Scopelliti '75
Giovanna Viglianisi
 

REVISORE DEI CONTI
Giuseppe Scopelliti

 

 

 

DIRETTIVO DAL 2012 AL 2017

direttivo

PRESIDENTE
Alberto Idone

CONSIGLIO DIRETTIVO
Antonella Colosi
Domenico Repaci
Umberto Sinicropi
Giuseppe Giorlo
Salvatore Tripodi

REVISORE DEI CONTI
Giuseppe Scopelliti

Stampa

Associati anche a tu!

on . Posted in Statici

Aderisci anche tu al Movimento Passione Civile scaricando e compilando il modulo che trovi in questa pagina.
Puoi inviarlo via e.mail all'indirizzo passionecivile @ passionecivile .net o consegnarlo ad uno dei membri del Consiglio Direttivo .

QUOTE ASSOCIATIVE 2012

Soci ordinari: 100 €

Studenti e disoccupati: 25 €

Le quote possono essere versare in una unica soluzione, in due o tre soluzioni separate.

 

Scarica domanda di iscrizione

Stampa

Mangiare Bere e Dormire a Campo Calabro

on . Posted in Statici

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo